.

Scritto da Riccardo Zianna Categoria: Cronaca
Pubblicato 11 Marzo 2014
Stampa

Il manager Mauro Floriani assicura: "Sono innocente". 

 

TUTORIMG

Lo scandalo delle baby prostitute che ha preso vita nel lussuoso quartiere Parioli, a Roma, inizia ad avere nomi e cognomi. I pm avrebbero individuato coloro i quali erano a conoscenza del fatto che le ragazze fossero in realtà minorenni.

20, gli indagati, tra i quali spunta il nome di Mauro Floriani, marito di Alessandra Mussolini, l'ex ufficiale della Guardia di Finanza che da quasi vent'anni è diventato uno dei vertici delle Ferrovie dello Stato. Si faceva chiamare 'capitano Mussolini', ma è stato intercettato e identificato dai carabinieri del nucleo investigativo di Roma.

Le forze dell'ordine, però, avevano già il suo nome perchè Floriani stesso si era recato da loro per spiegare che il suo numero poteva essere tra quelli finiti nelle intercettazioni.

Cruciali, nell'identificazione dei coinvolti in questo scandalo, i telefonini delle due giovani ragazze: centinaia, le chiamate ricevute dalle baby squillo e grazie alle quali, lo scorso ottobre, già cinque persone erano finite in manette.

Ora, torna a fare eco la notizia, perchè Floriani rischia grosso: lui si dice "innocente" ma sulla sua testa pende una pesantissima accusa per prostituzione minorile.

 

A cura di Riccardo Zianna.